Logo ISVELogo Regione Campania




ISVE
Istituto di Studi per lo Sviluppo Economico

 

L’ISVE è sorto nel 1962 sotto gli auspici della Sezione Italiana della Camera di Commercio Internazionale e del Comitato Italiano per la Cooperazione Tecnico-Economica Internazionale, ed è stato eretto nel 1976 a ente morale con Decreto del Presidente della Repubblica n.715. Soci dell’ISVE erano la Regione Campania, il Comune di Napoli, il Banco di Napoli, la Confindustria Campania, la CCIAA di Napoli e l’Azienda di Soggiorno e Turismo di Napoli.

 

L’Istituto, nato come centro di alta formazione con lo scopo di favorire la promozione dei processi di sviluppo nei diversi contesti socio-economici attraverso la cooperazione internazionale, ha svolto, fin dalla sua fondazione, un’intensa attività di collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e con gli Organismi internazionali, organizzando corsi post-universitari di alta formazione (MASTER) in “Economia dello Sviluppo, per circa 1500 quadri pubblici e privati della pubblica amministrazione provenienti da 84 nazioni dei Paesi “in via di sviluppo”, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri ed Organismi Internazionali.

 

Successivamente, l’Istituto ha ampliato i propri ambiti di competenza, specializzandosi nelle tematiche dell’internazionalizzazione, con particolare riferimento al Mezzogiorno, attraverso il progetto pluriennale SPRINTER di sostegno alla proiezione internazionale delle imprese meridionali, realizzato in convenzione con il MIUR - Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Scientifica. Il Progetto prevedeva un insieme articolato di interventi di formazione (Master “Il management per l’internazionalizzazione delle imprese” per giovani laureati; Corsi Specialisti per manager e imprenditori) e animazione territoriale (Workshop, Seminari, Incontri) che si avvalevano di analisi e studi (Newsletter, Indagini dirette, Studi settore e paese e Rapporti annuali sull’internazionalizzazione del Mezzogiorno) svolti nell’ambito di un Osservatorio per il Commercio Estero del Mezzogiorno.

 

Con l’affidamento da parte della Regione Campania, attraverso la D.G.R 860 del 23/06/2004, delle attività di supporto tecnico-scientifico ed organizzativo all’attuazione della misura 6.5 azione A2 del POR Campania 2000-2006, l’ISVE ha avviato attività di cooperazione interistituzionali con i paesi della sponda sud del Mediterraneo, nell’ambito dei Progetti Paese dell’Operazione-Quadro per la Cooperazione Istituzionale della Campania nel Mediterraneo e del Programma di Sostegno alla Cooperazione Regionale (APQ) – Sviluppo socio-economico (esteso all’area dei Balcani).

 

Su incarico della Regione Campania, l’ISVE è stato inoltre soggetto attuatore di progetti di cooperazione territoriale in partenariato, quali PIC Interreg IIIB Medocc e Archimed, in tema di turismo e mobilità sostenibile.

 

La Regione Campania, con D.G.R. n. 1588 del 15.10.2009 e D.G.R. n. 1645 del 30.10.2009, ha individuato l’ISVE quale Ente in house per l’internazionalizzazione, che ha operato in diretto collegamento funzionale con la Regione Campania, che ne diventa Socio unico ed esclusivo destinatario dell’attività.

Nel quadro della nuova mission, il Settore Promozione ed Internazionalizzazione – A.G.C. 12 “Sviluppo Economico” della Regione Campania, ha affidato all’ISVE l’assistenza tecnica per la realizzazione di una serie di interventi integrati a sostegno delle azioni di internazionalizzazione e promozione, quali la costruzione del data base internazionalizzazione, l’implementazione del sistema di monitoraggio e verifica degli interventi in materia di internazionalizzazione e cooperazione internazionale e la realizzazione di azioni di formazione in materia di internazionalizzazione a sostegno del tessuto produttivo campano. Tali progetti, però,  non sono stati eseguiti perché non sono state firmate le relative convenzioni.

 

Con L.R. n.4 del 15.03.2011, artt. 133 e 134, l’ente ISVE acquisisce personalità giuridica pubblica, diventando organismo di diritto pubblico, con obbligo di vigilanza e controllo da parte della Giunta Regionale.

 

Con L.R. n.15 del 30.10.2013, nell’ambito dei processi di riorganizzazione e di razionalizzazione della spesa dell’amministrazione regionale e ai fini del contenimento degli oneri per enti e organismi regionali, l’ente ISVE è soppresso e per lo svolgimento delle funzioni connesse alla soppressione dell’Ente, il Presidente della Giunta regionale ha nominato un Commissario liquidatore.


Attualmente l’ISVE è in fase di liquidazione.


_______________________________________________________________________________________________________________


AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

 

DISPOSIZIONI GENERALI

            ATTI GENERALI

                        Legge Regionale 10-83

                        Legge Regionale 04-11

                        Legge Regionale 15-13

 

ORGANIZZAZIONE

                        Organi di indirizzo politico-amministrativo

                        Curriculum vitae  Commissario liquidatore ISVE  Dott. Sergio Mazzarella

                        DGR n. 466 del 02/08/2016

                        DPGR  n.193 del 09/09/2016

                        Telefono e posta elettronica

 

CONSULENTI E COLLABORATORI

            Consulenti

                        Consulenti - Incarichi e compensi

                        Curriculum vitae Avv. Luigi Pane

                        Curriculum vitae Avv. Marco Rubinacci

            Collegio dei revisori dei conti

                        Collegio dei revisori dei conti – Nomine e compensi

                        Verbale assemblea Isve  del 31/07/2012

                        Verbale assemblea Isve del 25/10/2013

                        Curriculum vitae Dott. Antonio Rinaldi

                        Curriculum vitae Dott. Nicola Cuciniello

                        Curriculum vitae Dott. Eugenio Iannicelli

 

PERSONALE

            POSIZIONI ORGANIZZATIVE

                        Posizioni organizzative personale dipendente ISVE

                        Contrattazione collettiva

 

BILANCI

                        Bilancio al 31/12/2015 e al 31/03/2016

 

 

Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019

Codice di comportamento